Progetto Euploos

Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi

Scheda Inventario "96674"

Apri Immagini Opera
Scheda aggiornata al 16-05-2019
Opera 96674
  • inv. 96674
  • Vasari Giorgio (1511/ 1574)
  • copia da
  • Un papa e un cardinale
  • Tecnica e materia: penna e inchiostro, pennello e inchiostro diluito, lievi tracce di pietra nera su carta
  • Misure: 265 x 205 mm
  • Stemmi, emblemi, marchi:
    timbro a secco di collezione: Charles Rogers (Lugt 625) in basso a destra
    timbro a inchiostro di collezione: Peter Sylvester (Lugt 2108) in basso a destra
    timbro a inchiostro di collezione: Reale Galleria degli Uffizi (Lugt 930) in basso a sinistra
    di collezione: John Somers (Lugt 2981) in basso al centro

Iscrizioni

  • autore ignoto di epoca antica: "Pirro Ligorio 171", a penna sul recto in basso a sinistra
  • autore ignoto: ""Michelangelo morì ai 17 Febraio 1564 : il Ligorio vi fu eletto di / lui successore al 1 settembre dello stesso anno da Pio IV et vi / stette tranquillo fino al 1571 colla mesata di ducati 25 d'oro como / i primi". See Carlo Fea "Notizie intorno Raffaello Sanzio / da Urbino" Rome 1822. Fea cites documents that prove that Phyrro Ligorio did succeed Michelangelo as architect of St Peters.", a penna sul verso in basso
  • autore ignoto: "From J. M. G. and / other collections / Engraved by Charles Roger / By Pirro Ligorio / This drawing gives contemporary portraits / of Clement the 7th and Cardinal Bembo. / The former having die first is represented showing / the latter the way to the tomb. / Perhaps Ligorio made this as a design for / Bembo's tomb", a penna sul verso
  • F. Härb: "Si, da Vasari / F. Härb", a matita sul montaggio
  • autore ignoto: "556", a matita sul verso in basso a destra
  • autore ignoto: "96674", a matita sul verso in basso a destra
  • autore ignoto: "[iscrizione illeggibile]", a matita sul verso in alto a destra
  • A. Petrioli Tofani: "copia da? / AmPT", a matita sul montaggio
  • A. Cecchi: "Giorgio Vasari / A. Cecchi / 1/3/77", a matita sul montaggio

Notizie storiche e critiche

Il foglio, acquistato dagli Uffizi il 2 dicembre 1920 a un certo signor Mascelli (cfr. scheda storica; Härb 2015), recava una tradizionale attribuzione a Pirro Ligorio e, stando a un’iscrizione presumibilmente ottocentesca vergata sul verso, si credeva corrispondesse a un progetto per un elemento della tomba di Pietro Bembo, raffigurato nel disegno in abiti cardinalizi mentre segue papa Clemente VII. In realtà, come faceva opportunamente notare Alessandro Cecchi (1978), il foglio in esame è da riferirsi a due dei diciotto dipinti realizzati da Giorgio Vasari tra il 1545 e il 1546 per la sagrestia di San Giovanni in Carbonara a Napoli, oggi conservati presso il Museo nazionale di San Martino nella stessa città e raffiguranti i santi Gregorio e Girolamo. Come però sostiene Florian Härb (2015), la nettezza del tratto grafico e la mancanza di pentimenti lascerebbero ipotizzare che si tratti di una copia, derivante tuttavia non tanto dai dipinti napoletani, rispetto ai quali si riscontano alcune significative differenze iconografiche, quanto piuttosto da un perduto disegno preparatorio. In accordo con la critica più recente l’opera è stata pertanto riclassificata nel giugno 2016 quale copia da Giorgio Vasari. Grazie alla ricostruzione offerta da Härb (2015) siamo oggi autorizzati a ipotizzare che il disegno agli Uffizi, prima di passare dalle collezioni di Peter Sylvester (Lugt 2108), Charles Rogers (Lugt 625) e Sir John Somers (Lugt 2981), che lo acquistò nel 1717 a Londra, era appartenuto ai Marchetti di Pistoia che, a loro volta, lo ottennero, forse, da padre Sebastano Resta.

Bibliografia

  • Cecchi A. 1978
    Cecchi A., Nuove acquisizioni per un catalogo dei disegni di Giorgio Vasari, in Antichità viva, XVII, 1, 1978, p. 55, fig. 5
  • Härb F. 1994
    Härb F., Giorgio Vasari (1511-1574). Die Zeichnungen, Wien, 1994, , n. 115
  • Leone de Castris P. 1996
    Leone de Castris P., Pittura del Cinquecento a Napoli 1540-1573. Fasto e devozione, Napoli, 1996, p. 132 nota 62
  • Cecchi A. 1998
    Cecchi A., Le case del Vasari ad Arezzo e Firenze, in Ciardi R. P./ Campana R., Case di artisti in Toscana, Cinisello Balsamo (Milano) ,1998, p. 44 nota 16
  • Härb F. 2015
    Härb F., The Drawings of Giorgio Vasari (1511-1574), Roma, 2015, p. 275 n. 127.1
Torna in alto