Progetto Euploos

Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi

Scheda Catalogo "11922 F"

Apri Immagini Opera
Scheda aggiornata al 08-11-2020
Opera 11922 F
  • inv. 11922 F
  • Bernini Gian Lorenzo (1598/ 1680)
  • Figura maschile nuda
  • Tecnica e materia: pietra rossa, sfumino, biacca (carbonato basico di piombo) su carta
  • Misure: 552 x 406 mm
  • Stemmi, emblemi, marchi: timbro a inchiostro di collezione: Reale Galleria degli Uffizi (Lugt 930) sul recto in basso a destra

Iscrizioni

  • autore ignoto di epoca antica: "9", a penna sul verso in basso a sinistra
  • autore ignoto di epoca antica: "Bernino", a penna sul verso al centro a sinistra
  • autore ignoto ottocentesco o novecentesco: "11922", a matita sul controfondo del margine inferiore a destra
  • autore ignoto ottocentesco o novecentesco: "11922", a matita sul recto in alto a destra

Notizie storiche e critiche

All’interno dell’ampio corpus grafico di Gian Lorenzo Bernini, per lo più riconducibile a progetti architettonici e scultorei , è rintracciabile la produzione di studi di nudo accademico, di cui il disegno esposto è uno degli esempi qualitativamente più significativi. Nel 1900 Stanislao Fraschetti lo collegò insieme all’inv. 11921, sempre conservato agli Uffizi, alle sculture raffiguranti rispettivamente il 'Nilo' e il 'Rio de la Plata nella Fontana dei Quattro Fiumi' in Piazza Navona, realizzata dall’artista per papa Innocenzo X Pamphili tra il 1647 e il 1651. L’ipotesi, per l’affinità delle pose particolarmente evidente nel caso del 'Nilo', è ancora oggi riproposta nonostante siano state avanzate da tempo alcune perplessità . I due fogli, infatti, piuttosto che studi preparatori sembrano essere delle vere e proprie accademie, accostabili anche agli esempi conservati a Windsor Castle (Royal Library inv. RL 5537 link">nota1/collection/905537/a-male-nude-seen-from-behind e inv. RL 5538 link">nota2/collection/905538/a-seated-male-nude . Ann Sutherland Harris (1977; 1990) ha inoltre riscontrato nel disegno in esame una cifra stilistica non accostabile alla produzione grafica elaborata tra il quinto e il sesto decennio del secolo, ma vicina a quella degli anni Trenta e nello specifico agli studi per il Longino. Il nudo, assai aderente al vero, è caratterizzato da un dinamismo vitale (Klinger 1981) e da una resa teatrale della posa, quest’ultima ottenuta mediante la torsione dinamica e la gestualità enfatica. La volumetria del corpo è sottolineata dalla biacca che, unita alla pietra rossa, crea un intenso effetto luministico. L’insieme di tali elementi lascia dunque trasparire l’assimilazione e la conseguente riformulazione della lezione michelangiolesca unita a quella dei Carracci. Un importante indizio circa la provenienza degli studi di nudo di mano di Lorenzo oggi agli Uffizi è fornito, come ha evidenziato per la prima volta Tomaso Montanari nel suo importante contributo del 1998 (p. 47 nota 12), da una lettera del giugno 1674 indirizzata al Cardinale Leopoldo da parte di Paolo Falconieri . L’agente, attivo sul mercato romano, scrive che il proprietario dell’'Autoritratto' di Bernini, per il quale è in trattativa, “ha da 8 pezzi di disegni d’accademia del medesimo” e aggiunge che se si volesse “fare un libro di questa maniera […] non sarebbe impossibile trovarne qualche quantità”. Purtroppo i carteggi non ci forniscono ulteriori indicazioni, ma il loro acquisto risulta plausibile anche in base alle informazioni ottenute dalla lettura comparata degli inventari seicenteschi e settecenteschi del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi. Verso la fine del Settecento, Giuseppe Pelli Bencinvenni registra nel 'Catalogo dei disegni', all’interno del Volume Universale XVII, quattordici fogli dell’artista romano, di cui dodici “Figure nude diverse in varie positure per lo più grandi, assai belle, a matita rossa” . Quest’ultime sono state oggi identificate con altrettanti disegni, tra cui il nostro, recanti un’antica iscrizione a Bernini (Petrioli Tofani 2014). Tornando agli inventari, la quantità di opere e l’indicazione del volume annotate da Pelli coincidono perfettamente con i dati registrati da Baldinucci nella 'Nota' del 1687 ( “Cavalier Bernino, al diciassettesimo libro universale a c. 50, disegni 14”) . Le cifre sembrano, dunque, suggerire che tutti gli studi menzionati nel Settecento siano proprio quelli appartenuti al Cardinale. Sicuramente lo era, come dimostrato da Montanari (1998, pp. 33-50), la “Venere appie’ di un albero che allatta Amore, Marte che glielo strappa e due altri fanciulli, che uno in aria, simile”, descritta da Pelli al numero due dell’Universale sopra menzionato, e oggi riconoscibile nell’inv. 7408 F. (Roberta Aliventi 2018)

Mostre

  • Firenze 1976
    Forlani Tempesti A./ Petrioli Tofani A., Omaggio a Leopoldo de' Medici, catalogo mostra Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi 1976, Firenze 1976, p. 86 n. 63, fig. 60 (scheda a cura di Forlani Tempesti A.)
  • Montreal 1986
    Dillon G./ Petrioli Tofani A., Dessins italiens du XVIIIe siècle du Musée des Offices de Florence, catalogo mostra Montreal, Musée des Beaux Arts 1986, Montreal 1986, pp. 246-249 n. 61, ripr. a p. 247 (scheda a cura di Petrioli Tofani A.)
  • Tokyo/ Gifu 1987
    Dillon G./ Petrioli Tofani A., Italian XVIIth-century drawings from the Uffizi Gallery in Florence, catalogo mostra Tokyo/ Gifu, Tokyo, Bridgestone Museum of Art/ Gifu, The Museum of Fine Arts 1987, Tokyo 1987, p. 146 n. 61, ripr. a p. 147 (scheda a cura di Petrioli Tofani A.)
  • Firenze 1997
    Fischer Pace U. V., Disegni del Seicento romano, catalogo mostra Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi 1997, Firenze 1997, p. 177 n. 114, fig. 126 (scheda a cura di Fischer Pace U. V.)
  • New York/ Fort Worth 2012-2013
    Dickerson III C.D./ Sigel A./ Wardropper I., Bernini. Sculpting in Clay, catalogo mostra New York/ Fort Worth, Metropolitan Museum of Art/ Kimbell Art Museum 2012-2013, New Haven-London 2012, p. 367 n. 19, fig. 41 (scheda a cura di Wardropper I.)
  • Firenze 2017-2018
    Conticelli V./ Gennaioli R./ Sframeli M., Leopoldo de' Medici. Principe dei collezionisti, catalogo mostra Firenze, Gallerie degli Uffizi, Palazzo Pitti, Tesoro dei Granduchi 2017-2018, Firenze 2017, p. 422 n. 164 (scheda a cura di Aliventi R.)

Bibliografia

  • Fraschetti S. 1900
    Fraschetti S., Il Bernini; la sua vita, la sua opera, il suo tempo. Opera contenente 270riproduzioni delle opere del maestro, Milano, 1900, p. 192 ripr. a p. 194, ripr. a p. 194
  • Popp A. E. 1922
    Popp A. E., Der Barberinische Faun, in Jahrbuch für Kunstgeschichte, XV, 1, 1922, p. 229
  • Brauer H./ Wittkower R. 1931
    Brauer H./ Wittkower R., Die Zeichnungen des Gianlorenzo Bernini, Berlin, 1931, v. I p. 50 n. 2, v. II tavv. 29b-30
  • Grassi L. 1944
    Grassi L., Disegni del Bernini, Bergamo, 1944, pp. 8-9, tav. 15
  • Martinelli V. 1950
    Martinelli V., I disegni del Bernini, in Commentari, 3, 1950, p. 177
  • Kauffmann H. 1970
    Kauffmann H., Giovanni Lorenzo Bernini. Die figürlichen Kompositionen, Berlin, 1970, p. 186, fig. 92
  • Prinz W. 1971
    Prinz W., Die Sammlung der Selbstbildnisse in den Uffizen, Berlin, 1971, p. 177 doc. 43
  • Forlani Tempesti A./ Petrioli Tofani A. 1972
    Forlani Tempesti A./ Petrioli Tofani A., I grandi disegni italiani degli Uffizi di Firenze, Milano, 1972, n. 81 (scheda a cura di Petrioli Tofani A.)
  • Preimesberger R. 1974
    Preimesberger R., Obeliscus Pamphilius. Beiträge zu Vorgeschichte und Ikonographie des Vierströmebrunnens auf Piazza Navona, in Münchner Jahrbuch der Bildenden Kunst, 3.F. 25, 1974, p. 129
  • Sutherland Harris A. 1977
    Sutherland Harris A., Selected drawings of Gian Lorenzo Bernini, New York, 1977, pp. VII, XIV n.7, fig. 7
  • Klinger L./ Courtright N./ Dreyer I. 1981
    Klinger L./ Courtright N./ Dreyer I., Style, in Laving I./ Gordon P., Drawings by Gianlorenzo Bernini, catalogo mostra Princeton (NJ) et al., Art Museum et al. 1981, Princeton 1981, p. 23 nota 10
  • Martinelli A. 1981
    Martinelli A., Bernini: disegni, Firenze, 1981, p. 8, tav. 26
  • Sutherland Harris A. 1990
    Sutherland Harris A., Bernini’s Four Rivers Fountain as Permanent Theater, in "All the World’s a Stage ...": Art and Pageantry in the Renaissance and Baroque. Part.2.Theatrical Spectacle and Spectacular Theatre, , 1990, pp. 495-496, fig. 13-12
  • Avery C. 1997
    Avery C., Bernini: Genius of the Baroque, London, 1997, p. 198
  • Wittkower R. 1997
    Wittkower R., Bernini: the sculptor of the Roman Baroque, London, 1997, p. 219 sotto il n. 50
  • Montanari T. 1998
    Montanari T., Un Bernini giovane fra i disegni del cardinal Leopoldo de’ Medici, in Bollettino d’arte, LXXXIII, 1998, pp. 33, 47 nota 12
  • Edinburgh 1998
    Weston-Lewis A., Effigies & Ecstasies: Roman Baroque Sculpture and Design in the Age of Bernini, catalogo mostra Edinburgh, National Gallery of Scotland 1998, Edinburgh 1998, pp. 85 sotto i nn. 38-39, 205 nota 4
  • Roma 1999
    Bernardini M. G./ Fagiolo dell'Arco M., Gian Lorenzo Bernini, regista del Barocco, catalogo mostra Roma, Museo di Palazzo Venezia 1999, Milano 1999, p. 377 sotto il n. 108, p. 380 sotto il n. 115a-b (scheda a cura di Cipriani A.)
  • Sutherland Harris A. 2003
    Sutherland Harris A., Three Proposals for Gian Lorenzo Bernini, in Master drawings, LI, 2, 2003, p. 121, fig. 2
  • Barocchi P./ Gaeta Bertelà G. 2011
    Barocchi P./ Gaeta Bertelà G., Collezionismo mediceo e storia artistica. IV. Il Cardinale Leopoldo e Cosimo III, 1667-1675, Firenze, 2011, v. I p. 428
  • Wardropper I. 2012
    Wardropper I., Sketching on Paper and in Clay: Bernini's Use of Preparatory Drawings andModels, in Dickerson III C.D./ Sigel A./ Wardropper I., Bernini. Sculpting in Clay, catalogo mostra New York/ Fort Worth, Metropolitan Museum of Art/ Kimbell Art Museum 2012-2013, New Haven-London 2012, pp. 37-38
  • Jatta A. 2014
    Jatta A., Brunnen, Obelisken und Statuen, in Schmidt H.W./ Schütze S./ Stoschek J., Bernini. Erfinder des barocken Rom, catalogo mostra Leipzig, Museum der Bildenden Künste Leipzig 2014-2015, Berlin 2014, pp. 262, 264 nota 11
  • Petrioli Tofani A. 2014
    Petrioli Tofani A., L'inventario settecentesco dei disegni degli Uffizi di Giuseppe Pelli Bencivenni. Trascrizione e commento, Firenze, 2014, v. I p. 102 nn. 1, 4-14
  • Schütze S. 2014
    Schütze S., "Col miracolo di un Disegno": Die Zeichnungen Berninis und ihr zeitgenössischer Referenzrahmen, in Schmidt H.W./ Schütze S./ Stoschek J., Bernini. Erfinder des barocken Rom, catalogo mostra Leipzig, Museum der Bildenden Künste Leipzig 2014-2015, Berlin 2014, p. 42
  • Stoschek J. 2014
    Stoschek J., Aktzeichnungen und Antikenstudien, in Schmidt H.W./ Schütze S./ Stoschek J., Bernini. Erfinder des barocken Rom, catalogo mostra Leipzig, Museum der Bildenden Künste Leipzig 2014-2015, Berlin 2014, pp. 104, 114-115 n. 9
  • Roma 2015
    Bernardini M. G./ Bussagli M., Barocco a Roma. La meraviglia delle arti, catalogo mostra Roma, Fondazione Roma Museo, Palazzo Cipolla 2015, Milano 2015, p. 389 sotto il n. 99 (scheda a cura di Gobbi M.)
  • Gobbi M./ Jatta B. 2015
    Gobbi M./ Jatta B., I disegni di Bernini e della sua scuola nella Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, 2015, p. 288 sotto il n. 10, p. 292 nota 19
Torna in alto