Progetto Euploos

Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi

Scheda Inventario "1890 F"

Apri Immagini Opera
Scheda aggiornata al 10-07-2019
Opera 1890 F
  • inv. 1890 F
  • Dal Ponte Francesco il Giovane detto Francesco Bassano (1549/ 1592)
  • Figura femminile a mezzo busto con la testa volta in alto a sinistra e le braccia aperte
  • Tecnica e materia: pietra nera o carboncino, tracce di gessetto bianco su carta cerulea ossidata
  • Misure: 154 x 192 mm
  • Stemmi, emblemi, marchi: timbro a inchiostro di collezione: Reale Galleria degli Uffizi (Lugt 930) sul recto in basso a sinistra

Iscrizioni

  • autore ignoto seicentesco: "di Bassan Vecchio", a penna sul verso sul margine inferiore a sinistra
  • A. Petrioli Tofani: "Francesco Bassano, cfr. Tietze n. 83 / A. Petrioli Tofani", sul montaggio

Notizie storiche e critiche

L’iscrizione seicentesca visibile sul verso e le fonti inventariali testimoniano che il disegno entrò nelle collezioni medicee in una data antecedente al 1687 con un’attribuzione a Jacopo Bassano. L’opera fu acquisita quasi certamente dal Cardinale Leopoldo: è infatti descritta nel ‘Catalogo dei disegni’ di Giuseppe Pelli Bencivenni [1775-1793] all’interno del volume Universale XVI , tra i dodici fogli di Jacopo ivi custoditi. La quantità di esemplari dell’artista presenti in quel libro alla fine del Settecento è la medesima nella ‘Nota’ del 1687 , il primo inventario che elenca i tomi della raccolta di Leopoldo e gli artisti – con il relativo numero di opere – rappresentati in ciascuno di essi. Sia la ‘Nota’ sia il ‘Catalogo dei disegni’ menzionano, complessivamente, quarantanove studi dei Bassano (del padre Jacopo, nonché dei figli Francesco e Leandro), ovvero solo tre esemplari in più rispetto a quelli citati nella ‘Listra de' Nomi de' Pittori, di mano de' quali si hanno Disegni’, compilata da Filippo Baldinucci nel 1673 e aggiornata al mese di agosto del 1675, quando il Principe Leopoldo era ancora in vita . Il riferimento tradizionale a Jacopo Bassano, ripreso nei cataloghi e negli studi pubblicati tra la fine del XIX e i primi decenni del XX secolo , venne confutato da Edoardo Arslan (1931) che nella sua monografia sulla famiglia Dal Ponte riteneva il foglio un autografo di Francesco, il maggiore dei figli di Jacopo. Hans Tietze e Erica Tietze-Conrat (1944) accolsero la proposta di Arslan e individuarono nel disegno lo studio preparatorio per una delle figure del ‘Ratto delle Sabine’, oggi conservato nella Galleria Sabauda di Torino (cat. 560). Il dipinto, commissionato da Carlo Emanuele I di Savoia, venne realizzato tra il 1580 e il 1582 circa da Francesco Bassano, la cui firma compare sul bordo inferiore della tela . L’attribuzione del foglio da allora non è più stata messa in dubbio, non solo per il suo evidente rapporto con un’opera pittorica siglata, ma anche per le sue caratteristiche formali che ben si accordano ad altre prove grafiche sicure di Francesco, come lo studio per la ‘Presentazione della Vergine al tempio’ (GDS, inv. 1888 F r.-v.) nella Basilica di S. Maria Maggiore a Bergamo (1591) e le ‘Due figure femminili sedute con un bambino’ (GDS, inv. 1892 F r.) preparatorie per ‘Ercole e Onfale’ (1587 circa, Wien, Kunsthistorisches Museum). I disegni del primogenito di Jacopo – prevalentemente a pietra nera o carboncino, spesso lumeggiati a gessetto, su carta cerulea – sono caratterizzati da un segno morbido e descrittivo che indugia analiticamente sui dettagli naturalistici e si distacca dal tratto più energico e sintetico del padre. Come ha illustrato William R. Rearick (1981), Jacopo – che collaborò con il figlio anche dopo il trasferimento di quest’ultimo da Bassano a Venezia, avvenuto alla fine degli anni Settanta del Cinquecento – fornì a Francesco lo schizzo preliminare per il ‘Ratto delle Sabine’ (collezione privata, già Parigi, Jean-Pierre Cornet). In esso il segno libero, spezzato e impetuoso – tipico delle opere grafiche mature dell’artista – crea una composizione apparentemente caotica ma che contiene già tutti gli elementi essenziali del soggetto dipinto. Francesco prese spunto dall’idea del padre inserendo alcune correzioni e aggiunte, come la Sabina in primo piano al centro, accuratamente preparata dal disegno in esame , che volge lo sguardo disperato verso un simulacro divino, un tempo visibile sulla tela, in seguito decurtata lungo i bordi . (Laura Da Rin Bettina 2019) (Nel marzo 2019 l’opera è stata riclassificata da “Dal Ponte Jacopo detto Jacopo Bassano” a “Dal Ponte Francesco il Giovane detto Francesco Bassano”)

Bibliografia

  • Baldinucci F. 1687 (ASFi, Guard. Med. 779, ins. 9, cc. 995-1027)
    Baldinucci F., Nota de' Libri de' disegni tanto grandi, che mezzani, con la distinzione di quanti ne sono attaccati per libro, avvertendo, che oltre a quelli che rimasero dopo la morte del Ser.mo Principe Card.le Leopoldo di Gloriosa Memoria, vi si comprendono quelli hauti di camera del Ser.mo Padrone per mano del Sig.r Falconieri in num.o di 193, e detta nota comincia secondo il num.o che son notati, e come stanno nell'armadio, 1687 (ASFi, Guard. Med. 779, ins. 9, cc. 995-1027), c. 1002 v. "Bassano, al sedicesimo libro universale a c. 17, disegni 12"
  • Pelli Bencivenni G. [1775 - 1793] (GDSU, ms. 102)
    Pelli Bencivenni G., Catalogo dei disegni, [1775 - 1793] (GDSU, ms. 102), v. I ("Il Bassano, Jacopo da Ponte detto") v. Universale XVI n. 1
  • Pelli Bencivenni G. [1780-1784] (BU, ms. 113, classe III, v. I)
    Pelli Bencivenni G., Inventario Generale della Real Galleria di Firenze compilato nel 1784. Essendo Direttore della Medesima Giuseppe Bencivenni già Pelli N. P. F. colla presenza, ed assistenza del Sig.re Pietro Mancini Ministro dell'Ufficio delle Revisioni e Sindacati, [1780-1784] (BU, ms. 113, classe III, v. I), c. 366
  • Ferri P. N. 1890
    Ferri P. N., Catalogo riassuntivo della Raccolta di disegni antichi e moderni posseduta dalla R. Galleria degli Uffizi compilato ora per la prima volta dal conservatore Pasquale Nerino Ferri, Roma, 1890, p. 246
  • Ferri P. N. 1895-1901 (GDSU, coll. n. 72)
    Ferri P. N., Catalogo dei disegni cartoni e bozzetti esposti al pubblico nella R. Galleria degli Uffizi ed in altri Musei di Firenze compilato da Pasquale Nerino Ferri ispettore preposto al Gabinetto dei disegni e delle stampe nella detta Galleria, 1895-1901 (GDSU, coll. n. 72), c. 135 v. cornice 463
  • Jacobsen E. 1904
    Jacobsen E., Die Handzeichnungen der Uffizien in ihren Beziehungen zu Gemälden, Skulpturen und Gebäuden in Florenz, in Repertorium fur Kunstwissenschaft, XXVII, 1904, n. 372
  • Hadeln D. von 1926
    Hadeln D. von, Venezianische Zeichnungen der Spätrenaissance, Berlin, 1926, p. 16, tav. 75
  • Arslan E. 1931
    Arslan E., I Bassano, Bologna, 1931, p. 229
  • Tietze H./ Tietze Conrat E. 1944
    Tietze H./ Tietze Conrat E., The Drawings of the Venetian Painters in the 15th and 16th centuries, New York, 1944, pp. 44-45 n. 83
  • Arslan E. 1960
    Arslan E., I Bassano, Milano, 1960, v. II p. 217
  • Forlani A. 1961
    Forlani A., Proposte di attribuzione per alcuni disegni degli Uffizi, in Arte antica e moderna, 4, 1961, p. 239
  • Ballarin A. 1973
    Ballarin A., Introduzione ad un catalogo dei disegni di Jacopo Bassano - III, in Arte veneta, XXVII, 1973, p. 122 nota 1
  • Rearick W. R. 1981
    Rearick W. R., The rape of the Sabines as conceived by Jacopo Bassano and executed by Francesco, in , Per A. E. Popham, Parma ,1981, p. 86, fig. 2
  • Rearick W. R. 1992
    Rearick W. R., Vita ed opere di Jacopo dal Ponte, detto Bassano, in Brown B.L./ Marini P., Jacopo Bassano c. 1510-1592, catalogo mostra Bassano del Grappa/ Fort Worth, Bassano del Grappa, Museo Civico/ Fort Worth, Kimbell Art Museum 1992-1993, Bologna 1992, p. CLXXXI nota 373
  • Ballarin A. 1995
    Ballarin A., Introduzione ad un catalogo dei disegni di Jacopo Bassano- III (1973), in Romani V., Jacopo Bassano. Scritti 1964-1995, Cittadella (Padova) ,1995, p. 201 nota 1
  • Rearick W. R. 2001
    Rearick W. R., Il disegno veneziano del Cinquecento, Milano, 2001, p. 175, fig. 90
  • Petrioli Tofani A. 2005
    Petrioli Tofani A., Inventario. Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. Disegni di figura 2, Firenze, 2005, p. 403, ripr. a p. 403
  • Venaria Reale (Torino) 2013-2014
    Bava A. M., Il Veronese e i Bassano. Grandi artisti veneti per il Palazzo Ducale di Torino, catalogo mostra Venaria Reale (Torino), Reggia di Venaria, Sale delle Arti 2013-2014, Savigliano (Cuneo) 2013, p. 55 (scheda a cura di Accornero C.)
  • Petrioli Tofani A. 2014
    Petrioli Tofani A., L'inventario settecentesco dei disegni degli Uffizi di Giuseppe Pelli Bencivenni. Trascrizione e commento, Firenze, 2014, v. I p. 66 n. 1
  • Garofalo C./ Faietti M. [2016]
    Garofalo C./ Faietti M., Il fondo antico dei Bassano agli Uffizi: fisionomia, consistenza. Percezione storica di Jacopo disegnatore, in Ericani G./ Caramanna C./ Millozzi F., Jacopo Bassano. I figli, la scuola, l'eredità. Atti del Convegno Internazionale di Studio (Bassano del Grappa, Museo Civico; Padova, Università degli Studi, Archivio Antico del Bò, 30 marzo-2 aprile 2011), in Bollettino del Museo Civico Musei Biblioteca Archivio di Bassano, Bassano del Grappa (Vi) ,[2016], p. 555
Torna in alto