Progetto Euploos

Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi

Scheda Catalogo "461 F"

Apri Immagini Opera
Scheda aggiornata al 25-03-2020
Opera 461 F
  • inv. 461 F
  • Carucci Iacopo detto Pontormo (1494/ 1557)
  • Visitazione
  • Tecnica e materia: pietra nera, tracce di gessetto bianco, quadrettatura a pietra rossa su carta
  • Misure: 326 x 240 mm
  • Filigrana: aquila
  • Stemmi, emblemi, marchi: timbro a inchiostro di collezione: Reale Galleria degli Uffizi (Lugt 929) sul recto in basso a destra

Iscrizioni

  • P.N. Ferri (?): "429", a matita nera sul recto in basso a sinistra
  • autore ignoto ottocentesco: "48.", a matita nera sul recto in basso a sinistra
  • P.N. Ferri (?): "461", a matita sul recto in alto a destra
  • autore ignoto novecentesco: "461 F", a matita sul verso in basso a destra

Notizie storiche e critiche

Si tratta dello studio finale per la pala della ‘Visitazione’ che il Pontormo eseguì con ogni probabilità tra il 1528 e il 1529 per la famiglia fiorentina dei Pinadori e che fu riscoperta, dopo un lungo periodo di oblio, da Carlo Gamba (1904) nella chiesa di San Michele a Carmignano, dove è tutt’ora custodita . Il disegno, ricondotto al dipinto dallo stesso Gamba, rivela infatti una compiuta elaborazione della scena, pronta al trasferimento sulla tavola per mezzo della fitta quadrettatura tracciata a pietra rossa. Le evidenze emerse durante il recente restauro del quadro, condotto tra il 2013 e il 2014 da Daniele Rossi , dimostrano in effetti che l’artista non fece uso di cartoni ma riportò invece il disegno sulla tavola con l’ausilio di una quadrettatura del tutto corrispondente a quella presente sul foglio in esame. Dato l’elevato grado di finitezza dell’opera è quindi assai probabile anche la sua identificazione con il “modello d’una Visitazione in piccolo del Pontormo” che Giovanni Cinelli ebbe modo di ammirare nella dimora fiorentina del senatore Andrea Pitti e che ancora ricollegava a “l’originale in grande […] in una Villa de’ Pinadori a Carmigano” . Del resto ogni componente figurativa risulta pienamente elaborata rispetto alla versione finale, fatto salvo per alcune varianti nell’acconciatura della Vergine, in primo piano a sinistra, e per l’andamento delle pieghe del suo abito, che sul foglio ricadono pesantemente verso il basso mentre sulla tavola si distribuiscono elegantemente intorno al corpo. La porzione inferiore del disegno rivela tuttavia un’insistita, e quasi tormentata, ricerca formale, con un’evidente stratificazione di stesure a pietra nera e numerosi pentimenti in corrispondenza dei piedi. L’esame riflettografico condotto sul dipinto ha però dimostrato un’analoga condizione dell’underdrawing fornendo ulteriori conferme circa la funzione di modello dell’opera in esame e, soprattutto, offrendo preziosi indizi sul metodo di lavoro adottato dal Pontormo. Si potrebbe quindi supporre che Jacopo, per l’elaborazione della parte inferiore della composizione, sia intervenuto ripetutamente e alternativamente tanto sul foglio quanto sulla tavola. Per quanto riguarda invece l’impianto spaziale, risolto in una veduta urbana ideale priva di una prospettiva coerente e piuttosto sintetica, tale da enfatizzare la simbolica monumentalità delle quattro figure, si rileva una totale analogia tra il modello e il dipinto. La posizione sensibilmente decentrata del gruppo delle donne nel disegno ha però destato particolare interesse, spingendo alcuni studiosi a ipotizzare un errore di valutazione da parte dell’artista in fase progettuale, poi corretto durante il trasferimento sulla tavola (cfr. Trenti Antonelli 1994). Ritengo, tuttavia, che tale sbilanciamento sia piuttosto causato da una rifilatura successiva del margine sinistro della carta, dove del resto si osserva una netta interruzione delle linee di tratteggio in corrispondenza del limite del foglio. A riprova di questo, si può invece notare la presenza sul lato destro di una linea verticale tracciata a pietra rossa con funzione di riquadratura, assente a sinistra, entro cui ogni parte del disegno risulta completamente contenuta (cfr. Michele Grasso in Firenze/ New York/ Los Angeles 2018-2019). Data la mancanza di ulteriori studi grafici destinati al dipinto di Carmignano, non è possibile ricostruire il processo creativo che accompagnò l’elaborazione della scena. Al contrario sono state avanzate diverse ipotesi riguardo eventuali modelli iconografici di riferimento e, a tal proposito, gli studi attuali si orientano giustamente verso specifici prototipi classici e modelli desunti dalla tradizione artistica fiorentina . Tuttavia lo schema romboidale suggerito dalla disposizione delle quattro figure, apprezzabile nel dipinto ma meno nel disegno, non contraddice, almeno in parte, l’ipotesi formulata da Frederick Clapp (1914) che riconduceva l’invenzione dell’opera all’incisione di Dürer con il ‘Gruppo di quattro femmine nude’ – proposta tra l’altro accolta da buona parte della critica del Novecento (Cox-Rearick 1964 e 1981; Bertsch 1998). Maria Grazia Trenti Antonelli (1994) individua invece nel foglio la possibile, e significativa, presenza di un desco da parto imbracciato dalla figura all’estrema sinistra. Tale ipotesi, seppure suggestiva e non del tutto da escludere, non trova però una completa corrispondenza iconografica nella pala, dove lo stesso oggetto tondeggiante non sembra evocare pienamente, nelle qualità cromatiche e nella resa materica, un desco da parto. L’analisi stilistica dell’opera rivela molteplici concordanze con altri fogli pontormeschi realizzati sicuramente verso fine del terzo decennio del Cinquecento, come peraltro già sottolineato da buona parte della critica. Ad esempio, le morbide stesure a pietra nera, accostate ad ampie campiture di luce tangente ottenute a risparmio, ricordano molto da vicino diversi progetti eseguiti tra il 1525 e il 1528 per le decorazioni della cappella Capponi nella chiesa fiorentina di Santa Felicita, come il modello compositivo per la pala con la ‘Deposizione’, oggi a Oxford (Christ Church Library, inv. F68), oppure gli studi destinati all’affresco dell’‘Annunciazione’ (Cox-Rearick 1964 e 1981). In particolare, le forme eleganti e misurate dell’‘Arcangelo Gabriele’ e della ‘Vergine annunciata’, riprodotte su due fogli agli Uffizi (inv. 6653 F e inv. 448 F), trovano stringenti analogie con le quattro aggraziate figure del modello per la ‘Visitazione’. Infine, riguardo la presenza del foglio nelle collezioni grafiche degli Uffizi, se ne segnala menzione già all’interno dei cataloghi settecenteschi della raccolta dove si legge di un disegno del Pontormo con “La Visitazione di / S: Elisabetta a matita nera / Retato” (Pelli Bencivenni [1775-1793], GDSU, ms. 102). Dalla descrizione del foglio non emerge però, stranamente, alcun riferimento al dipinto carmignanese di cui, forse, si era già perduto il ricordo. (Michele Grasso 2018)

Mostre

  • Firenze 1910
    Catalogo della mostra dei disegni di Andrea del Sarto e del Pontormo, catalogo mostra Firenze, R. Galleria degli Uffizi 1910, Firenze 1910, p. 34, cornice 75
  • Firenze 1939
    Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, Catalogo della mostra di disegni fiorentini del Cinquecento, catalogo mostra Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi 1939, Firenze 1939, p. 25, cornice LXIX
  • Firenze 1940
    Poggi G., Mostra del Cinquecento toscano in Palazzo Strozzi, catalogo mostra Firenze, Palazzo Strozzi 1940, Firenze 1940, p. 44, n. 3, tav. 104
  • Napoli 1952
    Bologna F./ Causa R., Fontainebleau e la Maniera Italiana. Mostra d'Oltremare e del lavoro italiano nel mondo, catalogo mostra Napoli, Centro Italiano di Arte Cultura Spettacolo 1952, Firenze 1952, p. 63 (scheda a cura di Bologna F./ Causa R.)
  • Firenze 1954
    Sinibaldi G., Mostra di disegni dei primi Manieristi italiani, catalogo mostra Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi 1954, Firenze 1954, p. 36, n. 54 (scheda a cura di Marcucci L.)
  • Amsterdam 1954
    Sinibaldi G., Het eerste Manierisme in Italië. 1500-1540. Catalogus van de Tentoonstelling van Tekeningen uit het Bezit der Musea te Florence, Rome en Venetië, catalogo mostra Amsterdam, Rijksprentenkabinet 1954, Amsterdam 1954, p. 61, n. 75 (scheda a cura di Marcucci L.)
  • Milano 1970
    Forlani Tempesti A., Disegni del Pontormo del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, catalogo mostra Milano, Pinacoteca di Brera 1970, Firenze 1970, n. 23 (scheda a cura di Forlani Tempesti A.)
  • Firenze 1976
    Forlani Tempesti A./ Petrioli Tofani A., Omaggio a Leopoldo de' Medici, catalogo mostra Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi 1976, Firenze 1976, pp. 54-55, n. 22, fig. 18 (scheda a cura di Petrioli Tofani A.)
  • Firenze 1996
    Falciani C., Pontormo. Disegni degli Uffizi, catalogo mostra Firenze, Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi 1996, Firenze 1996, pp. 138-139, n. VII, fig. 89
  • Firenze/ New York/ Los Angeles 2018-2019
    Edelstein B./ Gasparotto D., Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura, catalogo mostra Firenze/ New York/ Los Angeles, Firenze, Palazzo Pitti, Sala delle Nicchie/ New York, The Morgan Library & Museum/ Los Angeles, The J. Paul Getty Museum 2018-2019, Firenze 2018, pp. 110-113 n. 4 (scheda a cura di Grasso M.)

Bibliografia

  • Pelli Bencivenni G. [1775 - 1793] (GDSU, ms. 102)
    Pelli Bencivenni G., Catalogo dei disegni, [1775 - 1793] (GDSU, ms. 102), v. III (Da Pontormo Iacopo) v. VIII dei Grandi n. 124
  • Ferri P. N. 1890
    Ferri P. N., Catalogo riassuntivo della Raccolta di disegni antichi e moderni posseduta dalla R. Galleria degli Uffizi compilato ora per la prima volta dal conservatore Pasquale Nerino Ferri, Roma, 1890, p. 116
  • Ferri P. N. 1895-1901 (GDSU, coll. n. 72)
    Ferri P. N., Catalogo dei disegni cartoni e bozzetti esposti al pubblico nella R. Galleria degli Uffizi ed in altri Musei di Firenze compilato da Pasquale Nerino Ferri ispettore preposto al Gabinetto dei disegni e delle stampe nella detta Galleria, 1895-1901 (GDSU, coll. n. 72), c. 53 r. cornice 182
  • Berenson B. 1903
    Berenson B., The drawings of the Florentine painters classified criticised and studied as documents in the history and appreciation of Tuscan art with a copiouscatalogue raisonné, London, 1903, v. II, p. 138, n. 1980
  • Gamba C. 1904
    Gamba C., Un quadro del Pontormo a Carmignano, in Rivista d'arte, I, 1904, pp. 13, 15-16, fig. II
  • Clapp F. M. 1914
    Clapp F. M., Les dessins de Pontormo: catalogue raisonné précédé d'une étude critique;ouvrage illustré de huit planches hors texte, Paris, 1914, pp. 104-105
  • Clapp F. M. 1916
    Clapp F. M., Jacopo Carucci da Pontormo: his life and work, New Haven, 1916, p. 55, fig. 112
  • Panofsky E. 1927
    Panofsky E., Ein Bildentwurf des Jacopino del Conte, in Belvedere, XI, 1927, p. 47, fig. 6
  • Berenson B. 1938
    Berenson B., The drawings of the Florentine painters, Chicago, 1938, v. II, p. 227, n. 1980
  • Toesca E. 1943
    Toesca E., Il Pontormo, Roma, 1943, p. 16, tav. 32
  • Firenze 1956
    Mostra del Pontormo e del primo Manierismo fiorentino, catalogo mostra Firenze, Palazzo Strozzi 1956, Firenze 1956, p. 37, sotto il n. 61 (scheda a cura di Berti L.)
  • Berenson B. 1961
    Berenson B., I disegni dei pittori fiorentini, Milano, 1961, v. II, p. 463, n. 1980, v. III, fig. 948
  • Berti L. 1964
    Berti L., Pontormo, Firenze, 1964, p. CXLII
  • Cox-Rearick J. 1964
    Cox-Rearick J., The Drawings of Pontormo, Cambridge-Mass., 1964, v. I, pp. 64-65, 272, n. 289, v. II, fig. 281
  • Berti L. 1966
    Berti L., Pontormo, Firenze, 1966, p. CXLII
  • Forlani Tempesti A./ Petrioli Tofani A. 1972
    Forlani Tempesti A./ Petrioli Tofani A., I grandi disegni italiani degli Uffizi di Firenze, Milano, 1972, n. 47
  • Berti L. 1973
    Berti L., L'opera completa del Pontormo introdotta da scritti del pittore e coordinata da Luciano Berti, Milano, 1973, p. 103, sotto il n. 104
  • Stoichită V. I. 1978
    Stoichită V. I., Pontormo si manierismul, Bucarest, 1978, p. 61 nota 1
  • Firenze 1980
    Beltramo Ceppi C., Firenze e la Toscana dei Medici nell’Europa del Cinquecento. La comunità cristiana fiorentina e toscana nella dialettica religiosa del Cinquecento, catalogo mostra Firenze, Santo Stefano al Ponte 1980, Firenze 1980, p. 208 sotto il n. 4 (scheda a cura di Paolucci A.)
  • Cox-Rearick J. 1981
    Cox-Rearick J., The drawings of Pontormo a catalogue raisonné with notes on the paintings, New York, 1981, v. I, pp. 64-65, 272 n. 289, v. II fig. 281
  • Darragon E. 1981
    Darragon E., Pontormo à Florence, in Revue de l'Art, 51, 1981, p. 51
  • Apa M. 1984
    Apa M., Pontormo. La “Visitazione” a Carmignano, Carmignano/ Firenze, 1984, p. 24, fig. 52
  • Forlani Tempesti A. 1988-1989
    Forlani Tempesti A., Un ripensamento sul Pontormo, in Labyrinthos, VII-VIII, 13/16, 1988-1989, p. 114 nota 12
  • Guarrera C. 1991
    Guarrera C., Tavole, in Nigro S.S., Pontormo. Disegni, Genova ,1991, n. 56
  • Petrioli Tofani A. 1991
    Petrioli Tofani A., Inventario. Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. Disegni di figura 1, Firenze, 1991, p. 199, n. 461 F
  • Berti L. 1993
    Berti L., Pontormo e il suo tempo, Firenze, 1993, p. 256
  • Cerretelli C./ Ciatti M./ Trenti Antonelli M.G. 1994
    Cerretelli C./ Ciatti M./ Trenti Antonelli M.G., Le chiese di Carmignano e Poggio a Caiano, Prato, 1994, p. 159 sotto il n. 19 (scheda a cura di Trenti Antonelli M.G.)
  • Costamagna Ph. 1994
    Costamagna Ph., Pontormo, Milano, 1994, p. 199 sotto il n. 59, ripr. a p. 198
  • Marchetti Letta E. 1994
    Marchetti Letta E., Pontormo Rosso Fiorentino, Antella (Firenze), 1994, pp. 47-48, fig. 63
  • Trenti Antonelli M.G. 1994
    Trenti Antonelli M.G., La Visitazione di Carmignano, in , La Maniera moderna in Toscana. Il Pontormo: le opere di Empoli, Carmignano e Poggio a Caiano, Venezia ,1994, pp. 35-36, 41-42, ripr. a p. 33
  • Cecchi A. 1995
    Cecchi A., Una Madonna del Pontormo riscoperta nel Novecento, in Natali A., Rosso e Pontormo: fierezza e solitudine. Esercizi di lettura e rendiconti di restauro per tre dipinti degli Uffizi, Soresina ,1995, p. 106
  • Pinelli A. 1996
    Pinelli A., “Pensando a nuove cose”. Spunti per un’analisi formale del linguaggio pontormesco, in , Pontormo e Rosso, Venezia ,1996, p. 57, fig. 62
  • Bertsch C. 1998
    Bertsch C., Jacopo Pontormo. Le quattro donne di Carmignano, Firenze, 1998, pp. 49-50, fig. 15
  • Tazartes M. 2008
    Tazartes M., Il ghiribizzoso Pontormo, Firenze, 2008, p. 114, fig. 68
  • Barañano de K. 2014
    Barañano de K., El trazo convulso: Pontormo, in Fuentes Santos M., Pontormo. Dibujos, catalogo mostra Madrid, Fundación MAPFRE 2014, Madrid 2014, , fig. 4
  • Falciani C./ Natali A. 2014
    Falciani C./ Natali A., Pontormo, Cinisello Balsamo, 2014, p. 106, fig. 24
  • Firenze 2014
    Falciani C./ Natali A., Pontormo e Rosso Fiorentino. Divergenti vie della "Maniera", catalogo mostra Firenze, Palazzo Strozzi 2014, Firenze 2014, p. 288 sotto il n. VIII.3 (scheda a cura di Geremicca A.)
  • Petrioli Tofani A. 2014
    Petrioli Tofani A., L'inventario settecentesco dei disegni degli Uffizi di Giuseppe Pelli Bencivenni. Trascrizione e commento, Firenze, 2014, v. II, p. 618, n. 124
  • Firenze 2017
    Galansino A./ Perov K., Bill Viola. Rinascimento elettronico, catalogo mostra Firenze, Palazzo Strozzi 2017, Firenze 2017, p. 40 sotto il n. 3 (scheda a cura di Sebregondi L.)
  • Edelstein B. 2018
    Edelstein B., Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura, in Edelstein B./ Gasparotto D., Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura, catalogo mostra Firenze/ New York/ Los Angeles, Palazzo Pitti/ The Morgan Library & Museum/ The J. Getty Museum 2018-2019, Firenze 2018, pp. 17, 43, 48
  • Firenze/ New York/ Los Angeles 2018-2019
    Edelstein B./ Gasparotto D., Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura, catalogo mostra Firenze/ New York/ Los Angeles, Firenze, Palazzo Pitti, Sala delle Nicchie/ New York, The Morgan Library & Museum/ Los Angeles, The J. Paul Getty Museum 2018-2019, Firenze 2018, p. 109 sotto il n. 3 (scheda a cura di Edelstein B.)
  • Rossi D. 2018
    Rossi D., Il restauro della Visitazione di Carmignano: tecnica e scoperte, in Edelstein B./ Gasparotto D., Incontri Miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura, catalogo mostra Firenze/ New York/ Los Angeles, Palazzo Pitti/ The Morgan Library & Museum/ The J. Paul Getty Museum 2018-2019, Firenze 2018, pp. 70-74, figg. 4, 6-7
Torna in alto