Progetto Euploos

Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi

Scheda Catalogo "710 E"

Apri Immagini Opera
Scheda aggiornata al 11-07-2022
Opera 710 E
  • inv. 710 E
  • Bandinelli Bartolomeo detto Baccio Bandinelli (1488/ 1560)
  • Studio per la 'Nascita della Vergine'
  • Tecnica e materia: penna e inchiostro su carta
  • Misure: 265 x 437 mm
  • Stemmi, emblemi, marchi: timbro a inchiostro di collezione: Reale Galleria degli Uffizi (Lugt 930) sul recto in basso al centro

Iscrizioni

  • autore ignoto di epoca antica: ".C.", a penna sul recto in basso a sinistra

Notizie storiche e critiche

Tra il 1518 e il 1519, grazie alla protezione di papa Leone X, Bandinelli fu coinvolto nella realizzazione dell’Ornamento marmoreo della Santa Casa di Loreto, prestigioso cantiere diretto da Andrea Contucci detto il Sansovino, che affidò al giovane scultore l’esecuzione del rilievo con la ‘Nascita della Vergine’. Baccio, portato a compimento il riquadro destro con al centro sant’Anna, interruppe bruscamente il soggiorno marchigiano a causa degli attriti sorti con il Sansovino; la parte di sinistra, lasciata allo stato di abbozzo, venne poi ultimata all’inizio del quarto decennio del Cinquecento da Raffaello di Montelupo . Non sappiamo se e quanto quest’ultimo si sia attenuto al progetto di Bandinelli in quanto non ci restano testimonianze grafiche relative alla soluzione finale. L’unico disegno di sua mano a noi noto per l’intera scena è quello in esame, che è con ogni evidenza una prima idea compositiva . Con un segno veloce della penna l’artista delinea un interno domestico gremito di figure, suddivise in tre gruppi. Sulla destra, sotto un imponente baldacchino, una fantesca porge Maria in fasce a sant’Anna, che si volge verso Gioacchino seduto al suo fianco, mentre al centro – davanti a un camino velocemente tratteggiato – altre fantesche scaldano l’acqua per il primo bagno della neonata; a sinistra, infine, da una porta, posta in cima a una breve gradinata, entrano alcune donne. Come evidenziato da Kathleen Weil-Garris (1977), Baccio assimila e rivisita stimoli provenienti da molteplici fonti visive, prestando particolare attenzione agli esempi offerti dalla pittura fiorentina della seconda metà del Quattrocento e del primo Cinquecento; si ritrovano, infatti, motivi desunti dalla ‘Nascita della Vergine’ affrescata da Andrea del Sarto nel ‘Chiostro dello Scalzo’ (1514), come da opere di Filippo Lippi e di Domenico Ghirlandaio . Secondo lo studioso gioca, infine, un ruolo decisivo anche la conoscenza dell’incisione realizzata da Dürer verso il 1503 sempre dedicata alla nascita di Maria (B. VII.131.80). Come anticipato sopra, si tratta di uno studio iniziale, rielaborato in modo sostanziale durante la progettazione molto diversa è, infatti, la scena scolpita da Bandinelli nella parte destra del rilievo, dove si rintraccia una differente disposizione spaziale delle figure e un’intonazione più solenne rispetto al disegno che si caratterizza per l’atmosfera vivace e familiare. La progressiva messa a punto del riquadro è testimoniata da diversi fogli; tra questi, Eugene Carroll menzionano anche la bella testa femminile tracciata a pietra nera sul verso dell’inventario 549 F degli Uffizi; se l’inclinazione del volto e l’acconciatura ritornano simili nella donna raffigurata al margine della scena mentre solleva una tenda, è opportuno ricordare che si tratta di una tipologia individuabile in diverse altre opere di Baccio. Il legame tra lo studio di testa e il rilievo rimane, dunque, solo ipotetico (Roger Ward in Firenze 2014, pp. 408-409 n. 47). Il recto dell’inventario 549 F è, invece, dedicato alla raffigurazione della ‘Morte della Vergine’, ambientata all’interno di un edificio sacro. Ai lati del catafalco e nello spazio ad esso retrostante si affollano gli apostoli che creano una sorta di nicchia volta a incorniciare il corpo ormai privo di vita della Madonna ; sopra di loro, compare tra le nubi un angelo che asperge incenso. Per la critica Baccio avrebbe realizzato questa composizione durante la permanenza nelle Marche con la speranza di ottenere la commissione da parte del Sansovino del relativo rilievo dell’Ornamento, che invece fu allogato nella primavera del 1519 a Domenico Aimo . Ad avvalorare questa ipotesi concorre l’evidente affinità stilistica con la ‘Nascita della Vergine’. Oltre a un ‘ductus’ assai simile, si rintracciano analogie anche nel modo di sviluppare la narrazione in senso orizzontale; si noti, inoltre, in entrambi l’introduzione, sulla sinistra, di un piano leggermente rialzato che conferisce un maggior senso di movimento all’impianto compositivo. Per quanto riguarda la vicenda collezionistica e la storia attributiva della ‘Natività’ e della ‘Dormitio’, grazie alle notizie fornite da Giuseppe Pelli Bencivenni nel suo ‘Catalogo dei Disegni’ sappiamo che nell’ultimo quarto del XVIII secolo entrambi i disegni risultavano già ascritti a Bandinelli ed erano custodi all’interno dei volumi seicenteschi provenienti dalla raccolta del cardinale Leopoldo de’ Medici (Roberta Aliventi, 2022)

Bibliografia

  • Baldinucci F. 1673, 1675 (BNCF, Postillato 97)
    Baldinucci F., Listra de' Nomi de' Pittori, di mano de' quali si hanno Disegni, e il primo numero denota quello de' Disegni, e l'altro denota quello, nel quale, òfiorirono, ò morirono i medesimi Pittori, e tutto fino al presente giorno8 Settembre 1673. Andandosi sempre agumentando la raccolta de' medesimi, e essendo fatta questa per semplice memoria, ne esser messi per anco i tempi a tutti; non si è osservato ordine alcuno nel metterli in nota, se non quello dell'Alfabeto, Firenze, 1673, 1675 (BNCF, Postillato 97), “Baccio Bandinelli" (194+100)
  • Baldinucci F. 1687 (ASFi, Guard. Med. 779, ins. 9, cc. 995-1027)
    Baldinucci F., Nota de' Libri de' disegni tanto grandi, che mezzani, con la distinzione di quanti ne sono attaccati per libro, avvertendo, che oltre a quelli che rimasero dopo la morte del Ser.mo Principe Card.le Leopoldo di Gloriosa Memoria, vi si comprendono quelli hauti di camera del Ser.mo Padrone per mano del Sig.r Falconieri in num.o di 193, e detta nota comincia secondo il num.o che son notati, e come stanno nell'armadio, 1687 (ASFi, Guard. Med. 779, ins. 9, cc. 995-1027), c. 995 v., “Baccio Bandinelli al decimo libro dei particolari grandi, disegni 199"
  • Pelli Bencivenni G. [1775 - 1793] (GDSU, ms. 102)
    Pelli Bencivenni G., Catalogo dei disegni, [1775 - 1793] (GDSU, ms. 102), v. I ('Bandinelli Baccio') v. X dei Grandi n. 146
  • Ferri P. N. 1881
    Ferri P. N., Catalogo dei disegni esposti al pubblico nel corridoio del Ponte Vecchio nella R. Galleria degli Uffizi con l'indice dei nomi degli Artefici, Firenze, 1881, p. 41 cornice 243 n. 710
  • Ferri P. N. 1890
    Ferri P. N., Catalogo riassuntivo della Raccolta di disegni antichi e moderni posseduta dalla R. Galleria degli Uffizi compilato ora per la prima volta dal conservatore Pasquale Nerino Ferri, Roma, 1890, p. 30 n. 710
  • Ferri P. N. 1895-1901 (GDSU, coll. n. 72)
    Ferri P. N., Catalogo dei disegni cartoni e bozzetti esposti al pubblico nella R. Galleria degli Uffizi ed in altri Musei di Firenze compilato da Pasquale Nerino Ferri ispettore preposto al Gabinetto dei disegni e delle stampe nella detta Galleria, 1895-1901 (GDSU, coll. n. 72), c. 61 v. cornice 236 n. 710
  • Middeldorf U. 1937
    Middeldorf U., A group of drawings of Baccio Bandinelli, in The Print collector's quarterly, XXIV, 3, 1937, pp. 295-297, fig. 2
  • London/ Birmingham/ Leeds 1962
    Arts Council of Great Britain, Old master drawings from the collection of Mr. C. R. Rudolf, catalogo mostra London/ Birmingham/ Leeds, Arts Council of Great Britain Gallery/ City of Birmingham Museums and Art Gallery/ City Art Gallery 1962, London 1962, sotto il n. 3 (scheda a cura di Pouncey P.)
  • Ciardi Duprè M. G. 1966
    Ciardi Duprè M. G., Per la cronologia di Baccio Bandinelli fino al 1540, in Commentari, V, 1, 1966, pp. 150-151, fig. 5
  • Carroll E. A. 1976
    Carroll E. A., The Drawings of Rosso Fiorentino, New York, 1976, , pp. 537-538, fig. 229
  • Weil-Garris Brandt K. 1977
    Weil-Garris Brandt K., The Santa Casa di Loreto: problems in Cinquecento sculpture, London/ New York, 1977, v. I pp. 116, 122 -125 n. a, 126-127 sotto il n. b, 128-129 sotto il n. c, v. II fig. 20
  • Ward R. 1982
    Ward R., Baccio Bandinelli as Draughtsman, , 1982, , v. I n. 148
  • Petrioli Tofani A. 1986
    Petrioli Tofani A., Inventario. Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. Disegni esposti 1, Firenze, 1986, p. 310, ripr. a p. 310
  • Cambridge 1988
    Ward R., Baccio Bandinelli, 1493 - 1560. Drawings from British Collections, catalogo mostra Cambridge, Fitzwilliam Museum 1988, Cambridge 1988, p. 39 sotto il n. 17 (scheda a cura di Ward R.)
  • Chantilly 1995-1996
    Cordellier D., Dessins italiens du Musée Condé à Chantilly. I. Autour de Pérugin, Filippino Lippi et Michel-Ange, catalogo mostra Chantilly, Musée Condé, Château de Chantilly 1995-1996, Paris 1995, p. 144 sotto il n. 45 (scheda a cura di Lanfranc de Panthou C.; il disegno è erroneamente citato come inv. 310 E)
  • Viatte F./ Bormand M./ Delieuvin V. 2011
    Viatte F./ Bormand M./ Delieuvin V., Baccio Bandinelli. Dessins, sculptures, peinture. Inventaire général des dessins italiens du Musée du Louvre, Paris /Milano, 2011, p. 119 nota 3 sotto il n. 12, p. 120 sotto il n. 13 nota 2 (schede a cura di Viatte F.)
  • Boston 2014-2015
    Cole Michael W., Donatello, Michelangelo, Cellini. Sculptors' drawings from Renaissance Italy, catalogo mostra Boston, Isabella Stewart Gardner Museum 2014-2015, Boston/ London 2014, p. 152 sotto il n. 10 (scheda a cura di R. Boyd)
  • Firenze 2014
    Heikamp D./ Paolozzi Strozzi B., Baccio Bandinelli. Scultore e maestro (1493 - 1560), catalogo mostra Firenze, Museo Nazionale del Bargello 2014, Firenze 2014, p. 404 sotto il n. 45 (scheda a cura di Ward R.)
  • Petrioli Tofani A. 2014
    Petrioli Tofani A., L'inventario settecentesco dei disegni degli Uffizi di Giuseppe Pelli Bencivenni. Trascrizione e commento, Firenze, 2014, v. I pp. 42-43 n. 146
  • Ward R. 2014
    Ward R., Regesto dei disegni preparatori, in Heikamp D./ Paolozzi Strozzi B., Baccio Bandinelli. Scultore e maestro (1493 - 1560), catalogo mostra Firenze, Museo Nazionale del Bargello 2014, Firenze 2014, p. 608
Torna in alto